RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
 
Questa newsletter è interamente dedicata alla Riforma della Pubblica Amministrazione.
La legge di riforma della PA, approvata il 4 agosto 2015 in via definitiva dal Parlamento, è il vero e proprio cuore dell’azione del governo su tutti gli aspetti della pubblica amministrazione: cittadinanza digitale, organizzazione dello Stato sul territorio, dirigenza, anticorruzione, lavoro pubblico, Camere di commercio, enti di ricerca, società partecipate pubbliche e servizi pubblici locali, forze di polizia, conferenza dei servizi, silenzio-assenso fra amministrazioni, testi unici.
 
L’amministrazione pubblica entra, infatti, nella vita quotidiana del singolo cittadino, dal lavoro, alla
casa, alla salute, alla scuola e al contempo condiziona gli investimenti nel Paese. Con questa consa
pevolezza è stata costruita una riforma al servizio di 60 milioni di cittadini e a sostegno della ripresa economica.
Come ben sapete, il 21 gennaio 2016, il   Consiglio dei Ministri ha varato, in via preliminare, i primi 11 provvedimenti attuativi della Riforma PA della legge delega n. 124 del 7 agosto 2015.
I decreti dovranno ricevere il parere (o l’intesa) della Conferenza unificata e il parere del Consiglio di Stato entro 45 giorni dalla loro trasmissione. Successivamente, saranno trasmessi al Parlamento per il parere da parte delle Commissioni parlamentari competenti per materia.

 

 

Molte le novità previste nel ddl che toccano ad ampio raggio tutti i settori della pubblica Amministrazione, tra cui spiccano senz'altro il ‘licenziamento per assenteismo’, la riscrittura del nuovo testo unico sul pubblico impiego e le misure per snellire la macchina burocratica all'insegna dell'efficienza e della razionalizzazione.

Vediamo nello specifico, uno ad uno, i primi decreti attuativi oggetto della Riforma:

 

 

LICENZIAMENTO PER ASSENTEISMO
Il decreto interviene sull' illecito disciplinare della falsa attestazione della presenza in servizio.
Si prevede, entro 48 ore la sospensione dal servizio e dalla retribuzione del dipendente colto in flagranza.
Il procedimento disciplinare che conduce al licenziamento si chiude entro 30 giorni.E' introdotta altresì la responsabilità erariale per danno di immagine e la responsabilità disciplinare del dirigente che non proceda alla sospensione e all'avvio del procedimento.
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

AUTORITÀ PORTUALI: RIORGANIZZAZIONE, RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE
In luogo delle attuali 24 Autorità portuali, si istituiscono 15 Autorità di sistema portuale, che avranno sede nei porti definiti core secondo la normativa europea. Sono inoltre introdotte significative norme di semplificazione dell'amministrazione portuale.
​RAZIONALIZZAZIONE FUNZIONI DI POLIZIA E ASSORBIMENTO DEL CORPO FORESTALE
Si prevede l'eliminazione delle duplicazioni delle funzioni dei corpi di polizia e la gestione associata dei servizi comuni, l'assorbimento del CFS nei Carabinieri con valorizzazione della specificità agro ambientale.
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

DIRIGENZA SANITARIA: MERITO E TRASPARENZA NELLE SCELTE
Si istituisce presso il Ministero della salute un elenco nazionale, fondato sui titoli, di quanti hanno i requisiti per la nomina a direttore generale delle Aziende sanitarie italiane. In caso di risultati negativi i direttori generali sono rimossi dall'incarico.
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PUBBLICA E TRASPARENZA
Si obbligano le amministrazioni a pubblicare in maniera chiara tutti dati di spesa, con particolare riferimento alle retribuzioni dei dirigenti. I cittadini potranno chiedere di conoscere dati e documenti alla Pubblica amministrazione. L'accesso ai dati è gratuito e la richiesta andrà soddisfatta entro trenta giorni.
SOCIETÀ PARTECIPATE
Si prevede la drastica riduzione delle società partecipate inutili: le scatole vuote, le società inattive, quelle troppo piccole e quelle che non producono servizi indispensabili alla collettività. Sono introdotti interventi sui compensi degli amministratori e individuati i criteri chiari sulla base dei quali sarà possibile costituire e gestire le società partecipate.
 
 
T.U. SUI SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI INTERESSE ECONOMICO GENERALE
Si afferma la centralità del cittadino nell'organizzazione e produzione dei servizi pubblici locali di interesse economico generale. L'erogazione dei servizi pubblici locali è ispirati a principi di efficienza, efficacia nella soddisfazione dei bisogni dei cittadini  e applicazione dei costi standard nelle tariffe. Si promuove la concorrenza, la parità di trattamento tra pubblico e privato e adeguati livelli di tutela della qualità degli utenti .
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

CODICE DELL’AMMINISTRAZIONE DIGITALE 
Il rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione è affidato a un'identità digitale, attraverso cui accedere e utilizzare i servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni, e al domicilio digitale, in collegamento con l'anagrafe della popolazione residente. Il Pin unico (SPID) sarà l'identificativo con cui un cittadino si farà riconoscere dalla pubblica amministrazione, mentre il domicilio digitale sarà l'indirizzo online al quale potrà essere raggiunto dalle pubbliche amministrazioni.
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

SCIA: MODULI UGUALI IN TUTTO IL PAESE
Un unico sportello ai cui rivolgersi e un unico modulo da presentare per le attività edilizie, produttive e commerciali al posto dei numerosi adempimenti  oggi richiesti a cittadini e imprese. Si individuano inoltre, con esattezza, le attività per le quali è ancora richiesta un'autorizzazione; per le altre attività, alla presentazione del modulo sarà possibile partire subito. La richiesta di altri documenti oltre a quelli previsti è sanzionata anche disciplinarmente.
CONFERENZA DEI SERVIZI: TEMPI CERTI DI CONCLUSIONE 
Si abbattono i tempi lunghi attivando la Conferenza semplificata, che non prevede riunioni fisiche ma solo l'invio di documenti per via telematica, e la Conferenza simultanea con riunione (anche telematica) che si svolge solo quando è strettamente necessaria. In entrambi i casi si considera acquisito l'assenso delle amministrazioni che non si sono espresse. Al massimo entro 5 mesi si avrà una risposta dalla Conferenza dei servizi.
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI: SEMPLIFICAZIONE E CELERITÀ
Il Consiglio dei Ministri potrà attivare procedure accelerate per gli investimenti strategici. Il taglio dei tempi burocratici riguarda tutte le procedure, fino all'inaugurazione del sito produttivo.
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI